Sigue el blog por EMAIL. Seguir por EMAIL

miércoles, 24 de agosto de 2016

Terremoto, notte di scosse e ricerche dei dispersi. Il bilancio sale a 247 vittime


Si scava senza sosta alla ricerca di superstiti. Lo sciame sismico non dà tregua, alle 5.17 nuova scossa di magnitudo 4.5
AP

All’alba del giorno dopo il bilancio sale a 247 morti il bilancio delle vittime del devastante terremoto di magnitudo 6 che ha colpito ieri il Centro Italia. 190 morti nel Reatino e 57 nell’Ascolano. «Ma si tratto di un numero aperto», destinato a crescere ancora ha detto questa mattina Fabrizio Curcio, capo del Dipartimento della Protezione Civile. Nella notte non c’è stata tregua. Per i soccorritori, che continuano a cercare fra le macerie i dispersi. Per la gente sfollata che ha sentito nelle tendopoli, negli ospedali o in ricoveri di fortuna, le oltre 60 scosse che si sono susseguite, la più forte di magnitudo 4.5 che era quasi giorno, alle 5.17. L’emergenza di sangue è per il momento cessata grazie alle tante donazioni, ma c’è gente che non ha più nulla e ha bisogno di tutto il resto. Le prime luci hanno mostrato tutta la devastazione: Amatrice, Accumoli e Pescara del Tronto, frazione di Arquata, sono paesi rasi al suolo. Sotto le costruzioni crollate la speranza è quella di trovare ancora persone in vita. Come la bambina di dieci anni salvata ieri sera. Un momento di gioia dopo i troppi di disperazione. Nelle ricerche sono impegnati 880 pompieri, con 250 mezzi.  

LEGGI ANCHE Da Marisol a Stefano, il terremoto dei bimbi sorpresi nel sonno  

In volo su ciò che resta di Amatrice, il paese distrutto dal terremoto

8.20 È impossibile «stabilire il numero dei dispersi perché manca una lista di partenza» dal momento che in alcuni dei comuni devastati vi erano molte turisti e molte persone di passaggio. Lo ha detto il capo del Dipartimento della Protezione Civile Fabrizio Curcio. «Continueremo a cercare fino all’ultimo», ha concluso.  

7.36 Anche stanotte sono proseguite le ricerche dei dispersi all’istituto religioso femminile Don Minozzi ad Amatrice dove erano ospiti 7 persone. Le operazioni dei vigili del fuoco stanno proseguendo senza sosta. “Dal convento sono state tirate fuori 3 persone, stiamo cercando la quarta”. Così l’ingegnere dei vigili del fuoco Marco Piergallini. 

6.51 «Cresce il numero dei morti, ad Amatrice siamo già a oltre 200». Sergio Pirozzi, sindaco del centro laziale devastato dal terremoto, spiega che altri cadaveri sono stati estratti durante la notte. 

LEGGI ANCHE Urla, detriti e fuga: l’ospedale è un obitorio a cielo aperto  

6.25 Sale a 247 il numero delle vittime. Il tragico bilancio, comunicato dalle Prefetture, si è aggravato: 190 sono i morti in provincia di Rieti, 57 quelli in provincia di Ascoli Piceno. Le attività di ricerca sono proseguite nel corso di tutta la notte.  

6.00 Proseguono a decine le scosse di terremoto tra Lazio, Marche e Umbria dopo il violento sisma che ieri ha devastato Reatino e Ascolano. Solo dalla mezzanotte se ne sono registrate oltre 60 di magnitudo 2 o superiore: la più forte delle quali di magnitudo 4.5 alle 5:17 con epicentro tra Accumoli ed Arquata del Tronto.  

Prima e dopo: così il terremoto ha stravolto Amatrice e Arquata

Publicar un comentario