Sigue el blog por EMAIL. Seguir por EMAIL

jueves, 19 de mayo de 2016

Radicali, morto il leader Marco Pannella

Resultado de imagen de Marco Pannella


 
Il leader dei Radicali Marco Pannella.   REUTERS/Max Rossi
Lo storico leader radicale Marco Pannella, da tempo malato, è morto oggi.
La notizia è stata diffusa da Radio Radicale.
L'uomo politico era malato da mesi ed era stato ricoverato ieri in un centro medico della Capitale.
Il presidente del Consiglio Matteo Renzi, commentando la notizia, ha definito Pannella, che aveva 86 anni, "un grande leader politico italiano che ha segnato la storia di questo paese, con battaglie molto spesso controverse ma sempre coraggiose e a viso aperto".
Pannella, di formazione liberale, è stato un protagonista della vita politica e della stagione della battaglia per i diritti civili in Italia a partire dagli anni '60.
Il suo nome è associato a numerosi referendum, alla difesa del diritto al divorzio e all'aborto, alla lotta all'energia nucleare, alle campagna per la liberalizzazione delle droghe leggere e per i diritti degli omosessuali, all'abolizione della pena di morte nel mondo e alla lotta alla fame.
Protagonista di numerosi digiuni di protesta, che ne hanno minato la salute, ha compiuto spettacolari proteste in tv (come quando comparve imbavagliato durante una tribuna politica per protestare contro le censure) ed è stato fermato e denunciato più volte dalle forze dell'ordine per le sue iniziative, come la distribuzione di marijuana in piazza.
Il partito radicale, sotto la sua guida, è stato nel corso dei decenni alleato dell'estrema sinistra, del Psi, del centrodestra di Silvio Berlusconi, del centrosinistra di Romano Prodi; ha dialogato con la Chiesa (pur essendo anticlericale) e con il Movimento Sociale Italiano di Giorgio Almirante.
Da partito nazionale si è trasformato, alla fine degli anni '80, in organizzazione politica "transnazionale". Ma i radicali hanno continuato ad agire in Italia, sotto la guida di Pannella e di Emma Bonino (divenuta commissario europeo col governo Berlusconi e in seguito ministro del Commercio estero e delle Politiche europee col governo Prodi), usando diverse denominazioni, fino all'attuale Radicali Italiani.
Publicar un comentario